Il primo anatomista a darne una completa descrizione anatomica e funzionale è stato Georg Ludwig Kobelt. Il clitoride è costituito da due radici di corpi cavernosi, che formano un organo unico, di forma cilindrica, detto corpo del clitoride, che si porta in alto e in avanti, per ripiegare poi sputiamo su hegel carla lonzi pdf basso, terminando con un glande sormontato da un prepuzio clitorideo. Dal punto di vista dello sviluppo embrionale il clitoride ha la stessa origine del pene. Il clitoride non partecipa alla funzione riproduttiva.

Carla Lonzi e l’arte del femminismo”, 22 novembre 2001. In “Il manifesto”, quello clitorideo e quello vaginale. Video del Convegno Taci; manuale d’anatomia generale descrittiva e patologica de G. La donna clitoridea e la donna vaginale.

Un’opportuna stimolazione attuata presso il glande del clitoride porta la donna all’orgasmo. Fino a tempi recenti venivano definiti erroneamente due tipi di orgasmo per la donna, quello clitorideo e quello vaginale. L’escissione del clitoride è erroneamente chiamata circoncisione femminile. Quando, oltre all’escissione del clitoride, si ha l’ablazione delle grandi labbra e il restringimento con sommario intervento chirurgico occlusivo dell’orifizio vaginale, si parla di infibulazione. Esse comportano una diminuzione e talvolta un’alienazione della capacità della donna di raggiungere l’orgasmo. Inoltre la ferita cicatrizzata provocata dall’infibulazione si riapre in maniera molto dolorosa con la deflorazione. L’articolo 583-bis del codice penale italiano punisce entrambe le pratiche.

Accademia della Crusca, la forma al femminile è quella originaria, ma il maschile è divenuto progressivamente più comune, cfr. URL consultato il 17 giugno 2017. Kobelt, Georg Ludwig, Die männlichen und weiblichen Wollust-Organe des Menschen und einiger Säugethiere, Anatomisch-physiolog. Tutto sul clitoride e l’orgasmo clitorideo www. The Clitoral Complex: A Dynamic Sonographic Study, The Journal of Sexual Medicine, volume 6, issue 5, maggio 2009, pp. 7: “Disposizioni concernenti la prevenzione e il divieto delle pratiche di mutilazione genitale femminile” – Art. Johann Friederich Meckel, Manuale d’anatomia generale descrittiva e patologica de G.

Sergio Miglietti, Il clitoride questo sconosciuto, F. La donna clitoridea e la donna vaginale e altri scritti, Scritti di Rivolta Femminile, Milano 1974. Questa pagina è stata modificata per l’ultima volta il 26 feb 2018 alle 22:31. Vedi le condizioni d’uso per i dettagli. Carla Lonzi nasce a Firenze, il 6 marzo 1931, da una famiglia della media borghesia fiorentina, proprietaria di una piccola azienda industriale a conduzione familiare.

Il padre Agostino fa l’artigiano e la madre Giulia Matteini lavora come maestra. Dopo l’estate del 1940, a soli nove anni, decide di rimanere per tre anni, dal 1940 al 1943, nel Collegio di Badia a Ripoli, dove si era sentita felice durante la villeggiatura di quell’anno. Dopo aver frequentato il liceo classico Michelangelo, Lonzi s’iscrive alla facoltà di lettere dell’Università di Firenze. Nel 1969 pubblica un libro di interviste intitolato Autoritratto e conosce lo scultore Pietro Consagra con il quale va a convivere a Milano nel 1970.

News Reporter